Sanremo 2020: il commento alla quarta serata del Festival di Amadeus

La quarta serata del Festival di Sanremo 2020, quella della vittoria delle Nuove Proposte e del ritorno totale dei 24 Campioni; se ieri avevamo finito alle 2.05 non oso immaginare cosa succederà stasera.

Prima di iniziare la sfida all’ultimo scontro delle Nuove Proposte c’è tempo di vedere la classifica combinata tra demoscopica e orchestra che vede tra i primi tre Francesco Gabbani, Le Vibrazioni e Piero Pelù; seguono Tosca e Pinguini Tattici Nucleari, mentre fanalini di coda sono Bugo e Morgan, Junior Cally e Elettra Lamborghini.

Sanremo 2020
Classifica generale provvisoria della quarta serata di Sanremo 2020

La prima ad esibirsi è Tecla con “8 marzo” che il palco dell’Ariston lo conosce molto bene, avendo vinto la prima, e al momento unica, edizione di “Sanremo Young”, seguita da Marco Sentieri con il brano impegnato “Billy Blu”, legato al bullismo e scritto da Giampiero Artegiani. Passa in finalissima Tecla con il 55% dei voti, sommati dal 34% del televoto e il 33% della demoscopica e della Sala Stampa, forse non avrà aiutato la gaffes di Amadeus che introduce il maestro Ricciardi, come Riccardi.

Si prosegue con Leo Gassmann e Fasma, ovvero lo scontro che non avrei mai voluto vedere, se non in finale. Leo purtroppo per l’emozione sbaglia il tempo di “Vai bene così” nell’ultimo ritornello e risulta non perfetto in alcuni punti del brano; Fasma continua a fare esplodere con “Per sentirmi vivo” che è indubbiamente già una hit, ma con il 50,1%, cioè solo per lo 0,1% di differenza passa Leo Gassmann che se la dovrà vedere contro Tecla.

E dopo la pubblicità è il momento del ritorno anche di Fiorello, che entra con la maschera del coniglio, usata dal vincitore de “Il Cantante Mascherato” Teo Mammucari, dalla quale poi riemerge con una parrucca bionda nei “capelli” di Maria De Filippi e tutina sotto l’abito di Achille Lauro: Fiore dopo aver scherzato ancora con l’amico Amadeus canta “Montagne verdi” sulla base di “Generale”.

E’ arrivato il momento dei primi premi della serata e così gli Eugenio in Via di Gioia vincono il Premio della Critica Mia Martini con “Tsunami”, mentre è Tecla a vincere il Premio della Critica Radio e Tv Sala Stampa Lucio Dalla con “8 marzo”. Il vincitore assoluto delle Nuove Proposte è invece Leo Gassmann con il 52,25% sovvertendo un po’ tutti i pronostici ed ora buona fortuna al giovane Leo, che ha appena pubblicato il suo primo album “Strike”. Parte la gara dei Big ed ecco in sintesi i miei tweet con votazione al secondo ascolto:

Paolo Jannacci Voglio parlarti adesso” – Voto 4/5

Continuo a dire che non basta avere “il tema strappalacrime/serio/forte” per fare una bella canzone, perché a me purtroppo tenerezza se la canzone è brutta non mi viene proprio…

E’ già il tempo di interrompere la gara per far cantare Tiziano Ferro con il suo medley, in modo tale che non si lamenti più con nessuno, e sancire la pace con Fiorello sulle note di “Finalmente tu” che termina con un bacio tra i due: Fiorello urla al BACISMO, mentre Tiziano Ferro chiede scusa, ridendo, a suo marito Victor

E’ il momento della prima scalinata di Antonella Clerici che torna al Festival per la terza volta e anche lei, grande amica di Amadeus decide di prenderlo in giro con le cinque regole importanti per avere un Sanremo di successo: si va dalle gaffes più eclatanti con le scuse che peggiorano la situazione, la durata monstre e la decisione di mettere mille cantanti e un cast rotante e non fisso. La formula vincente di questo Festival è che sbeffeggia se stesso, prendendosi in giro, con autoironia, così come il primo ingresso di Francesca Maria Novella, fastidiosamente bambinesca, nel quale si scherza su una linea disegnata da Amadeus con della sabbia oltre la quale non si deve andare indietro.

E’ il momento anche di Dua Lipa, ospite internazionale, che si esibisce subito, perché lei stare fino alle 2 di notte aspettando di cantare proprio no; certo per solo “Don’t start now” forse è un po’ troppo poco.

Si riparte con la gara e con i tweet:

RancoreEden” – Voto 8

Il ritornello, gli spari al posto del “clap clap” e la produzione di Dardust sono una garanzia di virus infettivo. Il migliore tra i rapper in gara quest’anno e il finale è puro teatro.

Giordana AngiCome mia madre” – Voto 4

Evidentemente non è chiaro il concetto, mi ripeto: continuo a dire che non basta avere “il tema strappalacrime/serio/forte” per fare una bella canzone, perché a me purtroppo tenerezza se la canzone è brutta non mi viene proprio… E poi: CHE CA**O TE URLI TUTTO IL TEMPO?

Francesco GabbaniViceversa” – Voto 9

Quel motivetto semplice che fa… Gabbani riesce sempre nella sua semplicità ad arrivare dritto all’emozione. Voglio il triplete e andatevi a vedere il dolcissimo video.

Raphael Gualazzi Carioca” – Voto 8-

Contento che finalmente Raphael abbia riportato il suo lato più scanzonato per farci ballare con enorme bravura artistica!

Pinguini Tattici NucleariRingo Starr” – Voto 8,5

Bravi, positivi, simpatici e spensierati. Altro che Lo Stato Sociale…

AnastasioRosso di rabbia” – Voto 6/7

E’ stato pompato molto, ma dopo la prima performance è stato un po’ “disinnescato”. Peccato, perché nelle altre produzioni sue c’era roba molto più forte.

ElodieAndromeda” – Voto 7,5

Ammetto che la prima sera non l’avevo capita bene (anche se la vittoria la poteva meritare con “Tutta colpa mia” non con questa), ma con l’ascolto in studio è migliorata. Il rischio è che sia fagocitata dal Mahmoodismo.

RikiLo sappiamo entrambi” – Voto 5/6

Riki, bello mio, non è che mettendo gli occhiali da vista migliora l’intonazione o la canzone. In più avrebbe dovuto scegliere un uptempo per il suo debutto che “l’impegnato” è troppo presto per farlo. Infine temo il cambio vocale, tipo possessione a fine ritornello.

E’ il momento dell’omaggio a Vincenzo Mollica, che con questo 70° Festival di Sanremo chiude la sua carriera: non avremo più il suo balconcino e il suo Doreciakgulp e la cosa è un po’ triste in effetti, ma buona vita Vincenzo! Parte quindi il video con le testimonianze di Stefania Sandrelli, Vasco Rossi e Roberto Benigni. Mancherà. Ed è quindi anche il turno di lanciare uno dei super ospiti della serata, Ghali, che rischia di far venire un infarto a tutti, facendo finta, con un ballerino di cadere dalle scale; oltre ai suoi successi presenta anche il nuovo singolo “Good times”. La gara continua con:

DiodatoFai rumore” – Voto 8/9

Il ritornello è da brividi e da pelle d’oca, anche se con “Che vita meravigliosa” gli avrei dato la vittoria ad occhi chiusi

Irene Grandi Finalmente io” – Voto 7/8

Che energia e grinta Irene! Brava, brava, brava. Non vincerà ma un’ottima performance e ritorno sul palco dell’Ariston.


Achille Lauro Me ne frego” – Voto 5 (Voto 9 alla messa in scena)

Come al solito crea show ed intrattenimento che per carità va bene, ma quando diventa troppo ingombrante rispetto alla musica, se ne perde l’attenzione e il risultato può essere contro producente.

Piero PelùGigante” – Voto 6,5

Come sigla per un cartone animato è perfetta, per fargli vincere il Festival decisamente no. Il balenese però è sempre molto funzionale.

Al ritorno dalla pubblicità per la prima volta ci si collega live dal palco del Nutella Stage, dove si sta esibendo Ghali e per la prima volta si vede la realizzazione della bella idea di coinvolgere tutta la città di Sanremo con altri eventi correlati al Festival e di cui possano godere più persone. Gianna Nannini, dopo l’improvvisata di ieri, torna per cantare con Coez “Motivo” e il medley di “Ragazzo dell’Europa”, “Meravigliosa creatura” e “Sei nell’anima”.

Riprendiamo la gara, perché all’1 di notte ancora mancano 10 cantanti…

ToscaHo amato tutto” – Voto 8

Una poesia per il cuore e le orecchie, ma Tosca potrebbe cantare anche il famoso elenco telefonico e sarebbe comunque strepitosa. Un altro torneo.

Michele ZarrilloNell’estasi o nel fango” – Voto 7

Pensavo sarebbe stata la mia guilty pleasure però non arriva ai livelli di “Ognuno ha il suo racconto” di Red Canzian, ma bravo per aver portato una cosa completamente anti Zarrillo.

Junior Cally No grazie” – Voto 6=

Il testo è anche interessante, ma la canzone passa come un battito di ciglia così, senza un perché.

Le Vibrazioni Dov’è” – Voto 6++

Il fatto che siano stati primi la prima puntata mi stupisce molto, molto. Rimane dentro sicuramente il ritornello ripetuto insistentemente ma nulla più.

Alberto UrsoIl sole ad est” – Voto 3

Vi prego, già è l’1.36, sparatemi piuttosto che sentire sto lamento senza fine e pietà, una mattonata sui coglioni sarebbe stata meno dolorosa.

LevanteTikibombom” – Voto 8++

Non avrei mai detto che un brano di Levante potesse piacermi davvero tanto, uno dei testi più belli a mio avviso.

Ma quello che non ti aspetti succede: come se non bastassero le polemiche già presenti fino ad oggi, ecco Morgan che decide di cambiare il testo di sincero, facendo un dissing in diretta contro Bugo, insultandolo per l’errore (causato da lui stesso il giorno prima durante la serata delle cover) “l’amico” Bugo, che giustamente, stanco di essere lo zimbello di un folle, abbandona il palco.

Sanremo 2020
Scoppia il Bugo-gate: Morgan stravolge il brano “Sincero” e Bugo abbandona il palco di Sanremo 2020

L’esibizione è invalidata e Bugo e Morgan vengono squalificati. Peccato davvero, perché il brano “Sincero” era una buona canzone, rovinata dall’egocentrismo folle e autodistruttivo. Ma non solo questo: l’altro momento topico è Rita Pavone che entra per cantare il suo brano dopo questa bagarre cantando “Qui non succede mai niente” e ridendo del tempismo involontario di tutto quanto.

Rita PavoneNiente (Resilienza 74)” – Voto 8,5

Che tiro che ha Rita Pavone con questo pezzo bomba! Meriterebbe la vittoria a mani basse per la rappresentazione dell’essere un’Artista come bisognerebbe essere.

Enrico Nigiotti Baciami adesso” – Voto 6+

Enrì mi spiace ma sto pezzo sembra una brutta copia de “L’amore è” e non arriva minimamente ai livelli di “Nonno Hollywood” dell’anno scorso. Peccato.

Elettra Lamborghini Musica (e il resto scompare)” – Voto 5+

Non so più che dire: dopo Bugo e Morgan, questo trash è praticamente una camomilla. Una presa per i fondelli senza pari e tranne il divertentismo non c’è altro.

Marco MasiniIl confronto” – Voto 6

La trovo troppo basic per Marco Masini, troppo zuccherosa e senza la potenza di altri brani storici masiniani. E cantata anche male, ma vista l’orario e tutto il bordello ci sta anche.

Si finisce tardissimo e con una breaking news ufficiale, anche se in realtà si poteva intuire, ovvero che Bugo e Morgan sono ufficialmente squalificati dalla gara, in quanto non hanno eseguito correttamente e per intero il brano. Domani la grande finale dei Big sarà quindi a 23, con grande preoccupazione di Elettra Lamborghini che a RaiRadioDue ha commentato preoccupata questo abbandono pensando che orami sarà quindi lei l’ultima in classifica.

2 comments on “Sanremo 2020: il commento alla quarta serata del Festival di Amadeus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *